Al lavoro, Telelavoratricefelice!

Buon giovedì! L’intervista di oggi per la rubrica Al lavoro, mamma!

Al lavoro mamma

ha come ospite Laura, mamma, ingegnere e Telelavoratricefelice.

Dal 2005 lavoro per il Comune di Torino. Recentemente ho iniziato a svolgere la mia mansione in telelavoro ed essendo entusiasta della mia esperienza cerco di promuovere il dialogo su questa forma di lavoro, affinché possa trovare diffusione anche in Italia.

Il lavoro è un’azione, non un luogo.

Siamo tutti orecchie (e occhi!)

Ecco il suo Mom identikit:

mom identikit telelavoratricefelice

Che lavoro fai Laura?

Al momento mi occupo di progetti di bonifica dei suoli.

Ci sono differenze nel lavoro tra prima e dopo essere diventata mamma?

Le mie mansioni sono cambiate nel tempo, non per le mie maternità.

Da quanto tempo sei una telelavoratrice felice? Spiegaci come funziona (o una tua giornata tipo)…

Sono telelavoratrice felice dal 18 febbraio 2013. La mia settimana tipo consiste in un giorno presso l’ufficio del Comune e 4 giorni a casa mia dove sono collegata tramite linea fissa alla rete aziendale. Nel giorno di rientro svolgo 6 ore di lavoro (con bollatura), negli altri giorni ho due ore di reperibilità obbligatoria al telefono fisso. Il resto del tempo lo organizzo come voglio, in base alle pratiche che mi vengono assegnate. Questa organizzazione è in realtà molto flessibile, cambio giorno di rientro a seconda delle riunioni o faccio sopralluoghi in cantiere quando serve, molto spesso uso il mio cellulare per ragioni di ufficio. Sono flessibile io, è flessibile la mia organizzazione.

Grazie al telelavoro riesci a conciliare meglio la gestione di casa e famiglia?

Sicuramente. Sono rinata. E’ sparita l’ansia continua di non stare dietro alle cose, è ricomparsa un’energia nuova che rimaneva soffocata dalla stanchezza.

Idee per sensibilizzare le aziende e i datori di lavoro in questa direzione…

Io ne ho tante di idee e sono sempre in cerca di interlocutori. Quella che ho visto applicare e che è maggiormente nelle mie corde è quella della “Giornata del lavoro agile” di Milano. Grande iniziativa di sensibilizzazione e di promozione. Presto ci sarà un evento a Roma, ne parlerò nel mio blog… Qualcosa capiterà anche a Torino! Nel mio piccolo ho voluto aprire il blog proprio con questa intenzione: se io sto così bene, perché non può stare bene anche la mia amica che ha i miei stessi problemi?

Quali altre misure/proposte si potrebbero fare per conciliare meglio lavoro e maternità?

Sicuramente ci andrebbe un intervento normativo che incentivi economicamente e che liberi invece di restringere tutte le modalità di lavoro agile/flessibile/mobile.

Dai un consiglio alle mamme lavoratrici che ci leggono…

Essere mamme è un lavoro, importantissimo. Facciamolo capire a tutti, pretendiamo rispetto e aiutiamoci 🙂

 

Grazie Laura, la tua esperienza è veramente illuminante. La strada del telelavoro in Italia è in salita, ma facciamo girare queste informazioni per dire che “Si può fareeeee!” e che conviene a tutti, non solo a chi telelavora 🙂

Volete dire la vostra in tema di lavoro e maternità? Scrivete a info.mammaalcubo@gmail.com e sarete le protagoniste delle prossime interviste. Al lavoro, mamme!

3 commenti su “Al lavoro, Telelavoratricefelice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *