Bentornata Samantha!

E’ atterrata da poco, dopo quasi 200 giorni nello spazio: Samantha Cristoforetti, che ci ha affascinati fin da subito per essere stata la prima astronauta italiana a partecipare ad una missione spaziale e ci ha fatto brillare gli occhi con le sue foto sui social, è tornata sulla Terra.

ritorno terra samantha cristoforetti

Il suo primo giorno sulla Terra è trascorso tra test e viaggi che l’hanno portata fino alla sede della Nasa a Houston, dove ha tenuto una conferenza stampa con i suoi primi racconti del rientro.

Tornata, non vedeva l’ora di fare una doccia calda e il primo piatto che ha mangiato al rientro è stata un’insalatona col tonno. Le mancano la leggerezza del corpo nello spazio e la Terra vista da lassù. La cosa di cui è stata più fiera è stata quella di “riuscire a dare il tuo contributo, perché per quei sei mesi fai parte della grande avventura degli esseri umani nello spazio, fai parte di un team, vedi i risultati del lavoro”.

Samantha è una donna da record, ma pur essendo consapevole di essere diventata famosissima, ha sempre mantenuto i piedi per terra (in senso figurato!) e ha ribadito di essere un’astronauta, non una celebrità. E sono proprio questa umiltà e questa modestia che la fanno tanto speciale, oltre alle indiscusse doti scientifiche: questo suo essere semplice, sorridere e lavorare duramente allo stesso tempo, spiegare con naturalezza e disinvoltura i segreti della vita nello spazio e l’importanza della sua missione a bordo della ISS.

Ho assistito commossa alla sua partenza e vederla tornare mi ha emozionata allo stesso modo. In questi mesi l’abbiamo vista passare con una scia luminosa sopra di noi e grazie ai suoi video e alle sue foto anche i bambini sono rimasti affascinati dalla vita a bordo della stazione spaziale e dagli esperimenti che hanno fatto.

Samantha Cristoforetti fotografia cupola

“Mamma, ma la Samantha viaggia solo di notte?” (vedendola dal balcone solo la sera, viene da chiederselo a quattro anni!)

“Come fanno a fare pipì gli astronauti?” è quello che si chiedono praticamente tutti. Dopo aver scoperto che la fanno normalmente, ma anzichè usare l’acqua di scarico hanno un sistema di aspirazione, abbiamo dovuto cercare un video esplicativo per capire meglio come funzionasse questo sistema. Beh Samantha con un inglese perfetto ha risolto questo dubbio.

Domande curiose a parte, qui il dilemma più spinoso rimane “Cosa bisogna studiare per diventare astronauti?”, perchè per poterlo diventare da grande serve prima capire quali sono i passi da fare e cosa comporta essere un astronauta, nel bene e nel male.

La prima avventura nello spazio di Samantha è finita ma il lavoro continua e tra un po’ arriveranno anche i risultati degli esperimenti, alcuni dei quali sono ancora in corso e comprendono lo studio delle reazioni del corpo al rientro in atmosfera. Noi aspetteremo con pazienza, sperando che ne diano notizia da qualche parte senza dover fare lunghe ricerche nel web e rimbalzare da una pagina all’altra per mettere insieme i pezzi. Se solo alla tv dessero maggiore importanza a queste cose, invece che riempirci la testa di programmi inutili… se oltre alle mille magagne si raccontassero di più queste belle storie, orgoglio della nostra nazione, forse, dico forse, verrebbe più voglia di puntare in alto e darsi da fare per cercare di realizzare i propri sogni. Forse ci si lamenterebbe di meno di quello che non va e si farebbe di più per sè stessi e per gli altri. Chissà.

Bentornata Samantha!

10 commenti su “Bentornata Samantha!

  1. Lisa Rispondi

    Penso che sia la domanda che ci facciamo tutti ;))
    io mi chiedo anche come fanno le donne durante quei giorni….
    Comunque una donna eccezionale che meritava molta più attenzione da parte dei media perchè sono queste le donne da prendere d’esempio!

  2. Drusilla Rispondi

    È triste sapere che in TV vengono trasmessi soprattutto programmi inutili capaci di criticare senza senso mentre le notizie intelligenti ed interessanti uno le deve scovare sul web. Comunque brava Samantah

    • Mammaalcubo Autore articoloRispondi

      E’ vero che quando ci interessa qualcosa troviamo il modo di recuperare le informazioni… ma mi fa rabbia vedere in tv così tanta fuffa e così poca sostanza!

  3. momfrancesca Rispondi

    La TV come i media in generale seguono la regola domanda/offerta. Dobbiamo preoccuparci di più delle persone che guardano certi “programmi” insulsi, piuttosto che prendercela con la TV che dà poco spazio. Detto questo, sono ovviamente d’accordo con te sul fatto che avrebbero dovuto davvero dare molto più spazio, che so collegarsi una volta alla settimana, spiegare, trasmettere video, foto….. Ma che ci aspettiamo? Come tu già sai l’ammiro moltissimo e come te mi sono emozionata tantissimo quando l’ho vista uscire da quella specie di involucro che sembrava quello delle sorprese kinder… Grande Samantha, brava Deborah per l’ottimo post!

    • Mammaalcubo Autore articoloRispondi

      Ricordo il tuo bellissimo post alla partenza 🙂
      Hai colto il punto: il problema di base è la domanda, l’offerta si adegua e fa i suoi comodi (economicamente parlando) mettendo in atto un circolo vizioso. Sigh.

  4. elisabetta Rispondi

    E’ un peccato non aver dato il giusto risalto a questa notizia, ma è bello vedere in uno sguardo la passione di svolgere un lavoro così importante e particolare, per non parlare dell curiosità dei piccoli nello scoprire il mondo visto da un’inquadratura diversa. Magari non si parlerà tanto di Lei in Tv ma, La Samantha, ha fatto storia! Chapeau!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *